Frammento

RSS
Maleficent (2014)

Maleficent (2014)

Gangs of New York (2002)

Gangs of New York (2002)

Le basi

  • S.: "Martin afferma che alcuni fan hanno indovinato il finale delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco". Tu l'hai letto, vero? Hai indovinato il finale?
  • Io: Io ho letto solo i primi due libri e con la serie sono fermo più o meno agli eventi del terzo libro, quindi dei libri usciti finora me ne mancano due. Detto questo... (segue vaga teoria)
  • S.: Ma Martin è anche quello che ha scritto Game of Thrones?

Ringrazio inutrimentiterrestri per avermi taggato. Sia perché mi hanno girato uno di questi giochini solo una volta e non ero dell’umore e mi sembrava di aver perso un’occasione unica, sia perché se non mi avesse taggato lei non saprei che ci si può taggare su tumblr.

1. Hit shuffle on your iPod, media player, or phone and write down the first 10 songs. Then pass it on to 10 people. One Rule: No Skipping

  1. Franz Ferdinand, Love Illumination
  2. Arcade Fire, My Body Is A Cage
  3. DeVotchKa, La Llorona 
  4. Athlete, I Love
  5. The Beatles, Michelle
  6. John Lennon, Jealous Guy
  7. Unheilig, Sternbild 
  8. Sigur Rós, Mílanó
  9. Beirut, Un Dernier Verre (Pour la Route)
  10. Keane, Nothing In My Way

2. list ten books that have stayed with you in some way. Don’t take but a few minutes, and don’t think too hard — they don’t have to be the “right” or “great” works, just the ones that have touched you. Tag [ten] friends, including me, so I’ll see your list.

  1. J.K. Rowling, Harry Potter
  2. Lemony Snicket, Una serie di sfortunati eventi
  3. Agatha Christie, Assassinio sull’Orient Express
  4. James Joyce, Gente di Dublino
  5. Daphne du Maurier, La prima moglie
  6. Kurt Vonnegut, Le sirene di Titano
  7. Fedor Dostoevskij, Delitto e Castigo
  8. Virginia Woolf, Gita al faro
  9. Kazuo Ishiguro, Never Let Me Go
  10. J.D. Salinger, Seymour. Introduzione

Così a naso le uniche persone che mi sento di taggare senza morire di imbarazzo sono besiegingcoldperfectionegoteque, mcgonagallerys, nevroticathegirlwithglassesandcurlsunmatto (lo so, sono sette e non dieci, però altri con cui avrei potuto arrivarci o non usano più tumblr o si sono cancellati lasciando un vuoto enorme nel mio cuore o ho paura di stargli sulle palle o non li conosco abbastanza, laddove per “conoscere” intendo “ho una più o meno vaga idea di chi tu sia e nel regno di tumblr è questa l’amicizia a cui si riferiscono questi giochini”). Poi lo so che metà di voi non lo faranno o l’hanno già fatto, però ‘sti cazzi.
Se vi va di fare il test ma non vi ha taggato nessuno fate finta che vi abbia taggato io e taggatemi a vostra volta e taggiamoci da qui fino all’eternità in un mare di arcobaleni e unicorni, ok? Ok.

Cose che ti ricordano quanti anni hai

  1. X che mi dice: «Mi ricordo quando eri alto così». Io che due minuti dopo mi ritrovo a dire a sua figlia, una bambina che avrà suppergiù otto anni: «Sai che mi ricordo quando eri piccola? Forse tu però non ti ricordi di me».
  2. Prestare al figlio di Y il primo libro di Harry Potter. Tirare giù dallo scaffale il libro ricoperto di polvere e con le macchie di umido, e pensare che lo leggerà un bambino che non era ancora nato quando l’ho letto io per la prima volta.

La violenza è la risposta

  • Io: Devo farmi spiegare da Fratello1 come funziona una pistola ad aria compressa.
  • S.: Assassini!
  • Io: È che mi serve la terminologia per una traduzione.
  • S.: E pensi di ottenerla con una pistola?
Good Will Hunting (1997)

Good Will Hunting (1997)

Pacific Rim (2013)

Pacific Rim (2013)

Se ripenso a quello che ho detto l’altra notte, sul muretto, vicino alla spiaggia, con la voce roca a forza di parlare solo io e per il vento, e se ripenso a quello che mi ha detto lei, camminando sul percorso delle biciclette, tornando alla macchina, trovo nel mio modo di parlare un non so che di patinato. E non è che parli sempre così, è che erano aneddoti ed emozioni di cui ho già scritto così tanto che era quasi naturale che non infarcissi il discorso di tipocioè. Se ripenso a quello che ha detto lei c’era la timidezza e la rozzezza di una delle prime bozze. Se ripenso a quello che ho detto io riesco a vedere la punteggiatura, persino le virgolette basse e i rientri di paragrafo. Non so, mi sa che se non smetto di raccontare la mia vita mi evolverò da burattino di legno in personaggio letterario.

Aug 8

Someday you’ll be a grown-up,” he said, “and then your mother will have no one to talk to.

- Don DeLillo, Cosmopolis

Aug 8

He looked at her closely, expecting to admire the arched nostrils and the fine slight veer along the ridge of the nose. But he found himself thinking that maybe she wasn’t beautiful after all. Maybe she missed. It was a stab of awareness. Maybe she was middling, desperately unexceptional. She was better-looking back in the bookstore when he’d thought she was someone else. He began to understand that they’d invented her beauty together, conspiring to assemble a fiction that worked to their mutual maneuverability and delight. They’d married in the shroud of this unspoken accord. They needed the final term in the series. She was rich, he was rich; she was heir-apparent, he was self-made; she was cultured, he was ruthless; she was brittle, he was strong; she was gifted, he was brilliant; she was beautiful. This was the core of their understanding, the thing they needed to believe before they could be a couple.

- Don DeLillo, Cosmopolis

Aug 7
Shadow of a Doubt (1943)

Shadow of a Doubt (1943)

Aug 7

He said, “How much do they want for it?”
“They don’t want to sell the chapel. And I don’t want to give you lessons in self-denial and social responsibility. Because I don’t believe for a minute you’re as crude as you sound.”
“You’d believe it. You’d accept the way I think and act if I came from another culture. If I were a pygmy dictator,” he said, “or a cocaine warlord. Someone from the fanatical tropics. You’d love it, wouldn’t you? You’d cherish the excess, the monomania. Such people cause a delicious stir in other people. People such as you. But there has to be a separation. If they look and smell like you, it gets confusing.”

- Don DeLillo, Cosmopolis

Aug 3

«Anche della birra» dice Michele.
L’omino del fritto ci guarda storto. «La birra costa un quarto di lira la bottiglia grande. C’è il sovrapprezzo perché a quest’ora è vietata la vendita.»

- Alessandro Scalzo, Caligo